Pubblicato il

Da Coldiretti i pacchi della solidarietà nell’Area Nord

Per il Tour “A sostegno di chi ha bisogno” le consegne alla Parrocchia di Medolla e al Sindaco di Mirandola

Da Coldiretti i pacchi della solidarietà nell’Area Nord

 

Doppia tappa nell’Area nord questa mattina per il tour della solidarietà di Coldiretti Modena “A sostegno di chi ha più bisogno” che in questi giorni sta provvedendo alla distribuzione su tutto il territorio provinciale di prodotti alimentari, tutti 100% Made in Italy, a nuclei familiari in stato di bisogno individuati da Coldiretti/Campagna Amica insieme ai servizi sociali dei comuni e alle parrocchie.

A Mirandola

A Mirandola i pacchi della solidarietà sono stati simbolicamente affidati al sindaco Alberto Greco da parte del vicepresidente di Coldiretti Modena, Francesco Vincenzi alla presenza Anselmo Bertellini, presidente di Porta aperta – l’associazione di volontariato che ha contribuito ad individuare le famiglie – e della direttrice Loretta Tromba di Porta Aperta oltre a Monica Ferrarini in rappresentanza di Coldiretti Donne Impresa.

“Si tratta di un gesto di solidarietà importante quello che oggi mi sento di sostenere ed appoggiare come primo cittadino e a nome dell’Amministrazione comunale, – afferma il sindaco di Mirandola Alberto Greco – la donazione di Coldiretti, infonde in primo luogo un ulteriore aiuto a Porta Aperta che col proprio lavoro è impegnato nel sostegno alle fasce più deboli della popolazione. Ma pure e soprattutto è un gesto che rappresenta un concreto segnale di speranza a tutte quelle famiglie mirandolesi ed alle singole persone, che a causa della pandemia sono state loro malgrado costrette a pagare un conto salato, a partire dalle difficoltà cui sono obbligati a confrontarsi anche nel reperimento dei generi di prima necessità. A Coldiretti va il mio ringraziamento per l’impegno costante a favore della comunità mirandolese ed in particolare per la sensibilità mostrata oggi, in un momento di criticità come quello attuale”.

“Con il nostro gesto, che stiamo replicando in tutto il Paese, abbiamo voluto dare un segno tangibile della solidarietà della filiera agroalimentare italiana verso le fasce più deboli della popolazione più colpite dalle difficoltà economiche” ha detto Vincenzi. “Vogliamo che sia un segnale di speranza per il Paese e per tutti coloro che in questi mesi hanno pagato più di altri le conseguenze economiche e sociali dell’emergenza Covid ma anche evidenziare le grandi eccellenze del Paese che hanno contribuito a fare grande il Made in Italy in Italia e all’estero e rappresentano un risorsa determinante da cui ripartire”.

A Medolla

Un carico di 500 kg di prodotti solidali è stato poi consegnato a Medolla da Emanuele Morselli, giovane imprenditore rappresentante di Coldiretti Giovani Impresa, nelle mani del parroco don Emilio Bernardoni che, con i volontari della parrocchia, ha individuato i nuclei familiari del territorio che più soffrono la crisi cerata dalla pandemia.

Da Coldiretti i pacchi della solidarietà nell’Area Nord

 

 

Condividi sui Social