Pubblicato il

“Il Cammino del Tortellino Carpigiano”: premio all’enogastronomia locale

L'elenco dei 17 ristoranti che partecipano all'iniziativa che durerà tre mesi, dal 1 novembre al 31 gennaio 2022

 

I promotori del Cammino del Tortellino carpigiano con alcuni dei ristoratori aderenti

 

Un percorso enogastronomico finalizzato a due obiettivi: valorizzare un piatto tipico della nostra cucina, quini il territorio, e fare rete, squadra tra tutti i ristoratori partecipanti. Questo il filo conduttore de “Il Cammino del Tortellino carpigiano”, uno degli eventi di punta di “Best Carpi”, il progetto di eventi promosso Comune e organizzato da SGP Grandi Eventi, che vedrà la città dei Pio e il distretto carpigiano protagonisti assoluti per tutto il corso dell’autunno e dell’inverno prossimi. L’evento, che durerà tre mesi, dal 1° novembre al 31 gennaio 2022, vede coinvolti 17 ristoranti del territorio carpigiano che hanno il tortellino come piatto nel loro menù.

Il percorso trae spunto in modo goliardico dal cammino di Santiago e ne ripercorre le caratteristiche: “A tutti i ‘pellegrini’ partecipanti all’originale cammino del Tortellino carpigiano – spiega Stefano Pelliciardi responsabile di SGP Grandi Eventi – ossia i commensali che decideranno di andare a degustare i tortellini presso uno dei ristoranti aderenti all’iniziativa, verrà consegnato ‘Il passaporto del Tortellino’. Dopo aver assaggiato infatti un buon piatto di tortellini, i ristoratori in questione apporranno un timbro di avvenuta degustazione su ciascun passaporto fornito loro dai commensali. A chi avrà completato al 50% il percorso enogastronomico dei locali aderenti all’evento verrà consegnata ‘La pergamena del Tortellino’. Chi invece completerà al 100% il percorso sarà insignito della massima onorificenza possibile: ‘L’attestato del Gran Ciambellano del Tortellino’”.

“Abbiamo registrato un’adesione importante all’evento – sottolinea Stefania Gasparini, vice sindaco e assessore alla promozione del Centro storico – quella dei ristoratori carpigiani, appunto. Un elemento che ci ha fatto molto piacere in quanto indice di come il legame tra il territorio e uno dei suoi piatti più prelibati ed amati da tutti, il Tortellino appunto, sia sempre molto forte e sentito. E soprattutto, di come in un momento di ripresa come quello che stiamo vivendo, i ristoratori, categoria fortemente danneggiata dalla pandemia, siano riusciti a fare ‘rete’, risultando una grande squadra vincente”.

 

Simona Vilardo dello Chalet 3.0

 

Sempre nell’ottica della valorizzazione enogastronomica, rientrano altri due eventi: il ‘SalaminoDay’ (1° novembre, Cortile d’Onore) in cui cantine vitivinicole presenteranno le loro produzioni di Lambrusco Salamino di Santa Croce e il ‘Carpi Food Experience’ (28 novembre) con una maxi-tensostruttura in piazza Martiri dove le principali aziende del territorio presenteranno i propri prodotti alla presenza del critico e giornalista gastronomico Edoardo Raspelli.

Ristoranti aderenti all’iniziativa:

Mistica; Allosteria; Chalet 3.0; Barolino; Carducci; L’Incontro; La Bottiglieria; Ma Ló; Clorofilla; Curcuma; Malto; Laghi Anna; Sporting da Michele; Ristosalumeria; trattoria Cacciatori; trattoria Cantone; trattoria Santa Croce.

 

 

Condividi sui Social