Pubblicato il

I sogni si possono realizzare

Il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi condivide auspici e motivazioni che stanno alla base dei progetti avviati per la crescita del territorio.

di Corrado Faglioni

 

I sogni si possono realizzare

 

In prossimità del Natale e nel passaggio da un anno all’altro, desidero rivolgere un caloroso augurio a tutta la città ed al nostro territorio più in generale, quale presidente della Fondazione Cassa Risparmio di Carpi, che mi onoro di presiedere. Sarà l’ultimo anno perché a giugno prossimo vi sarà l’avvicendamento alla Presidenza della Fondazione. Desidero pertanto cogliere l’occasione delle imminenti festività natalizie per suggerire alcune riflessioni sul contesto che viviamo e sul futuro che ci attende.

La pandemia che ci ha accompagnato per questi due anni ha portato grande sconforto, paure ed ansie che hanno contraddistinto questo periodo, per gli adulti ma ancor più per i bambini che sono stati chiusi all’interno delle abitazioni, a vivere di didattica a distanza, privati del contatto con i loro coetanei che solo a sprazzi ha potuto riprendere e sotto l’egida di regole e precauzioni. Dobbiamo guardare con ottimismo al futuro e cercare di trovare nella stessa difficoltà dei momenti angoscianti la forza per crescere e reagire.

Posso garantire che la Fondazione ha lavorato in modo determinato per preparare nuove sfide per il nostro territorio e per garantire un futuro attrattivo alle nostre terre, futuro che sarà ancora una volta disegnato dalla nostra inventiva, creatività e voglia di fare. Ne sono certo.

L’Università a Carpi

Credo che l’Università che stiamo per iniziare a costruire, a fine gennaio inizieremo i lavori, sarà una grande sfida ma anche una grande opportunità per Carpi. Il corso di laurea magistrale che ospiteremo a Carpi formerà nuovi ingegneri destinati al nostro territorio e non solo.

Questo porterà slancio creativo, culturale e formativo al nostro territorio che genererà nuova attrattività anche nei confronti dell’esterno. L’Università sarà solo una parte del Polo dell’Innovazione, che troverà altre realtà di Alta Formazione nel complesso dell’Ex Consorzio, che intendiamo valorizzare come testimonianza storica per proiettare al futuro le nostre radici, che trovano concreta testimonianza in questa parte produttiva della Carpi di un tempo…continua a leggere.

Condividi sui Social