Pubblicato il

Punto d’ascolto “Miriam”: dalla parte delle donne

L’importante donazione di Aimag consente di ampliare l’attività su tutto il territorio diocesano.

Punto d’ascolto “Miriam”: dalla parte delle donne

Irene Ciambezi

 

Asei mesi dall’avvio presso la Casa del volontariato di Carpi del Punto d’ascolto “Miriam” per donne in difficoltà, gestito dall’Associazione Papa Giovanni XXIII, è arrivata inaspettata una donazione da parte di Aimag in occasione della Giornata internazionale della donna.

L’azienda lo scorso 7 marzo ha infatti destinato un contributo per dare continuità al Punto di ascolto avviato a Carpi, lo scorso settembre – in collaborazione con Migrantes, l’Ufficio interdiocesano di Modena e Carpi e grazie al contributo della Fondazione CR Carpi – per dare risposta ai bisogni di donne immigrate e italiane, che si trovano a vivere in gravi situazioni di indigenza a seguito della pandemia, o anche in contesti di violenza psicologica, economica o maltrattamenti.

Le operatrici due mattine a settimana mettono a disposizione le proprie competenze interculturali e un approccio al femminile, per identificare i bisogni delle donne con un background migratorio o italiane che hanno difficoltà ad accedere ai servizi territoriali.

Continua a leggere oppure abbonati qui

Condividi sui Social