Pubblicato il

Libertà di stampa: è il termometro della democrazia di un Paese

Le parole del Papa e di Mattarella. Anche il beato Odoardo Focherini da annoverare tra i martiri della libertà di stampa
Libertà di stampa: è il termometro della democrazia di un Paese
Odoardo Focherini nell’ufficio dell’Avvenire d’Italia

 

Oggi, 3 maggio, ricorre la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa, patrocinata dall’UNESCO. “Rendo omaggio – ha detto Papa Francesco – ai giornalisti che pagano di persona per servire questo diritto. Un grazie speciale a quanti di loro, con coraggio, ci informano sulle piaghe dell’umanità”.

“La libertà di stampa, insieme alla libertà di essere informati, è il termometro della salute democratica di un Paese. Ce lo insegnano in questi giorni i drammatici avvenimenti della guerra in Ucraina. È compito della comunità internazionale ai vari livelli rendere effettivi questi diritti”. Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa e Giornata della memoria dedicata ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo.

Il Capo dello Stato ha voluto ricordare il “bilancio purtroppo drammatico” pagato dalla stampa nel mondo: “Sono 24 i cronisti uccisi nel 2021 e quasi 500 gli imprigionati. Un dato destinato a salire con la guerra di aggressione della Federazione Russa all’Ucraina, attualmente in corso”, ha osservato Mattarella. “Su di essi – ha ammonito – intensa deve essere l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale”. Per il presidente, “si tratta di un prezzo altissimo pagato da chi è chiamato a onorare con coerenza la professione: essere testimoni di verità, attraverso le parole, le immagini”. “Testimoni – ha aggiunto – che hanno talvolta pagato con la loro vita l’esposizione dei fatti, spesso scomodi per i poteri costituiti, dando voce al pluralismo vitale della società, senza il quale saremmo tutti più poveri e meno liberi. Testimoni di libertà che hanno voluto rendere effettiva quella di espressione, coscienti di come una cittadinanza consapevole, attiva, capace di confrontarsi e approfondire, passa attraverso il loro servizio”.  Il Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese ha informato che nel primo trimestre del 2022, in Italia, sono stati censiti 44 episodi, a fronte dei 63 registrati nell’analogo periodo del 2021. Il 27% delle intimidazioni è stato effettuato via web, nella maggior parte tramite i social network.

Condividi sui Social