Pubblicato il

Enrico Diacci riconfermato sindaco di Novi con il 55, 61% di preferenze

"Noi lista civica": "Rinnoviamo l’impegno a proseguire i nostri programmi in modo realistico e credibile”
Enrico Diacci riconfermato sindaco di Novi con il 55, 61% di preferenze
Enrico Diacci rieletto sindaco di Novi di Modena

 

Enrico Diacci stravince le elezioni amministrative a Novi di Modena e viene riconfermato per altri cinque anni sindaco. Il candidato espressione di ‘Noi lista civica’ ha convinto gli elettori che, domenica 12 giugno, lo hanno premiato con un quasi 56% di preferenze, contro il 44% dell’avversario, Marco Ferrari, sostenuto da una Alleanza di centrosinistra con Europa Verde, Sinistra Italiana, Articolo Uno, Pd, Italia Viva.

Su un totale di 3815 voti, 2122 preferenze sono andate a Diacci, contro le 1693 riconosciute a Ferrari. Un distacco che si è palesato già dopo poco l’inizio dell’apertura degli scrutini, alle 14: dopo le prime quattro sezioni scrutinate (su 9), Enrico Diacci era in vantaggio con il 61,96% rispetto al candidato del centrosinistra Marco Ferrari (38,04%). Vantaggio che si è consolidato con il passare del tempo, fino all’esito finale: 55,61% a Diacci contro il 44.39 di Ferrari.

Nel 2017, quando “Noi lista civica” ha vinto le elezioni, sovvertendo per la prima volta in oltre settanta anni il governo di sinistra, Diacci aveva totalizzato il 47,82% con 2045 voti. L’avversario del centro sinistra, Giulia Olivetti, invece aveva preso 1792 voti, pari al 41,81%. Cinque anni fa Diacci ha vinto con circa il 6% di distacco che ora è stato quasi raddoppiato.

Un dato che deve fare riflettere. Evidentemente la lista “puramente civica”, come in più occasioni l’ha definita Diacci, ha convinto gli elettori delle tre comunità, Novi, Rovereto e Sant’Antonio in Mercadello, che gli hanno garantito altri cinque anni di mandato per completare quel percorso iniziato nel 2017, dando credito allo slogan scelto la lista, “A metà strada”: “E’ il nostro motto e rinnoviamo l’impegno a proseguire i nostri programmi in modo realistico e credibile”.

 

Condividi sui Social