Pubblicato il

Il presidente Bonaccini in visita alla Angelo Po per il centennale di attività

L'Angelo Po, partita nel 1922 come bottega artigiana, è leader di mercato in progettazione, produzione e distribuzione di attrezzature per la ristorazione professionale, con vendite in tutto il mondo.

Il presidente Bonaccini in visita alla Angelo Po per il centennale di attività

 

Lo scorso giovedì 20 ottobre il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha visitato lo stabilimento carpigiano di Angelo Po Grandi Cucine, forte azienda del territorio con 250 dipendenti che quest’anno celebra il suo centenario. Insieme al presidente della Regione anche Valter Caiumi, presidente di Confindustria Emilia.

Questo la dichiarazione rilasciata da Bonaccini dopo la visita allo show room: “Un’azienda partita nel 1922 come bottega artigiana oggi è leader nel mercato nella distribuzione e produzione di cucine e attrezzature per la ristorazione. Un punto di riferimento per chef e ristoratori di tutto il mondo, ed una impresa che è un vero e proprio miracolo emiliano”.

L’Angelo Po, partita nel 1922 come bottega artigiana, è leader di mercato in progettazione, produzione e distribuzione di attrezzature per la ristorazione professionale, con vendite in tutto il mondo. Design, tecnologia, funzionalità e qualità messe assieme, per progettare cucine a partire dall’osservazione e dall’ascolto del mercato e dei suoi clienti.

Oggi l’azienda opera con due stabilimenti: la storica fabbrica di Carpi dove disegna e produce la cottura professionale, dai forni combinati alle friggitrici, cuoci pasta, induzione, fuochi aperti e molto altro, e la sede di Ascoli Piceno, dove produce e progetta la refrigerazione professionale dagli armadi frigoriferi agli abbattitori-surgelatori di temperatura.

Dal 2016 è parte del gruppo Marmon, azienda americana appartenente alla nota Holding statunitense Berkshire Hathaway Inc. Grazie alla solidità del gruppo Marmon, Angelo Po può accelerare il percorso di crescita e rappresentare il made in Italy nel mondo, spingendosi verso nuove forme di eccellenza e destinazioni sempre più ambiziose.

Condividi sui Social