Pubblicato il

Social e shoah: caso da studiare

Continuano gli episodi di antisemitismo, linguaggio e modi sono cambiati, soprattutto perché adesso la violenza arriva molto più forte attraverso il web

Social e shoah: caso da studiare

in foto: Marzia Luppi, Direttrice della Fondazione Fossoli

 

La Fondazione Fossoli è stata invitata a partecipare alla ricerca internazionale promossa e finanziata dall’International Holocaust Remembrance Alliance sull’influenza dei social per la conoscenza della Shoah. Diversi sono gli enti che sostengono il progetto di ricerca: l’Istituto per le Tecnologie Didattiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche, in collaborazione con l’Institute of Educational Consulting dell’Università di Weingarten e il Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze.

Accedi alla versione digitale e continua a leggere.

Condividi sui Social