Pubblicato il

Don Andrea Zuarri, parroco a Cibeno di Carpi

Lascia la parrocchia di Rovereto s/S. IL grazie del Vescovo per il lungo ministero di don Carlo Gasperi

Don Andrea Zuarri, parroco a Cibeno di Carpi

 

Il vescovo Erio Castellucci ha nominato don Andrea Zuarri parroco di Sant’Agata di Cibeno di Carpi, accettando le dimissioni per limiti di età di don Carlo Gasperi. L’annuncio, a nome del Vescovo è stato dato questa mattina in contemporanea al termine delle messe delle ore 11.15 da don Riccardo Paltrinieri a Cibeno e dallo stesso don Zuarri a Rovereto.

 

Don Andrea Zuarri, nato a Carpi il 26 aprile 1968 e ordinato sacerdote nel 1999, è attualmente parroco a Santa Caterina d’Alessandria di Rovereto s/S, amministratore di Sant’Antonio in Mercadello sempre in comune di Novi di Modena e della parrocchia di Rolo. Membro del Consiglio Presbiterale e Revisore dei Conti all’Istituto per il Sostentamento Clero. E’ assistente ecclesiastico della Fraternità di Comunione e Liberazione di Carpi e Vice Assistente dell’Agesci Zona di Carpi. Prima di approdare alla guida della parrocchia di Rovereto, nel 2012, don Zuarri è stato parroco a Budrione-Migliarina. Un’esperienza pastorale ormai solida e nella quale si è distinto per l’attenzione ai giovani dando vita all’esperienza di doposcuola e oratorio.

 

La data dell’ingresso di don Zuarri a Cibeno non è ancora stata definita, nel decreto di nomina per il momento viene confermato come amministratore parrocchiale di Rovereto, Sant’Antonio in Mercadello e Rolo.

 

Il Vescovo Erio e il Vicario monsignor Manicardi, ringraziano don Carlo Gasperi per il lungo ministero pastorale dedicato alla parrocchia di Sant’Agata e culminato lo scorso anno con l’inaugurazione della nuova chiesa della Santissima Trinità così tanto attesa e sentimenti di gratitudine per don Andrea Zuarri per la sua disponibilità a questo nuovo incarico, testimonianza di amore alla chiesa di Carpi. Infine l’invito alle comunità a sostenere i sacerdoti con la preghiera, in questo momento di importanti scelte per il futuro.

Condividi sui Social