Pubblicato il

Chimar: apprendere umanità e storie di vita

Marco Arletti, amministratore delegato di Chimar Spa, nei panni di un operaio nella trasmissione “Boss in Incognito”.

di Maria Silvia Cabri

 

Chimar: apprendere umanità e storie di vita

Marco Arletti

“È stata me un’esperienza molto forte. Una sfida perché temevo di non riuscirci o di risultare ridicolo, ma anche una grande opportunità per vincere la mia timidezza e per conoscere meglio i nostri dipendenti e le loro storie personali”. Marco Arletti, amministratore delegato della Chimar Spa, impresa specializzata nella produzione di imballaggi industriali, è stato protagonista di “Boss in Incognito” (trasmissione di Rai2): reso irriconoscibile da un sapiente travestimento, ha lavorato una settimana in produzione affiancando di volta in volta un dipendente, come apprendista, senza essere riconosciuto.

“Per cinque giorni ho ricoperto i panni di Federico, uomo che ha perso il lavoro a causa del Covid con il desiderio e la necessità di trovarne uno nuovo, e così sono entrato in Chimar e ho visto l’azienda da una prospettiva diversa”. “Sono state giornate molte intense – racconta Arletti – oltre tre ore di trucco la mattina, il tentare di modificare la propria voce, la paura di essere scoperto, il calarsi in una identità diversa.

Continua a leggere oppure abbonati qui

Condividi sui Social