Pubblicato il

Fondazione CR Carpi. Mario Ascari è il nuovo presidente

Guiderà un CdA votato da un'ampia maggioranza
Fondazione CR Carpi. Mario Ascari è il nuovo presidente
Mario Arturo Ascari

Nella seduta di venerdì 2 settembre, il Consiglio di Indirizzo della Fondazione CR Carpi ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione che resterà in carica per i prossimi quattro anni, fino al maggio 2026, e che vede, in qualità di presidente, l’ingegnere Mario Arturo Ascari, presidente dell’azienda d’Information Technology Pro-Vision e del Comitato Nazionale Ingegneria dell’Informazione. I consiglieri eletti risultano essere Andrea Ballestrazzi, avvocato attivo nel mondo del volontariato, Enrico Campedelli, Sindaco di Carpi nel decennio 2004-2014 e in seguito Consigliere regionale fino al gennaio 2020; l’imprenditrice nel settore moda e presidente di Cna Carpi, Tamara Gualandi; Giacomo Cabri, professore ordinario del dipartimento di scienze fisiche, informatiche e matematiche e delegato alla didattica dell’Università di Modena e Reggio Emilia; la commercialista Anna Navi e Roberta Della Sala, esperta in ambito sociale e diritti umani.

La lista con i nomi del nuovo Consiglio di Amministrazione è stata eletta all’unanimità dai 16 consiglieri presenti. Nei prossimi giorni il CdA si insedierà per garantire la piena operatività dell’Ente e provvederà a nominare, al proprio interno, il vicepresidente della Fondazione.

Nessun conflitto di interessi

Nella nota della Fondazione si rende noto che “al fine di garantire il pieno rispetto della procedura, la votazione è stata preceduta dall’approfondito esame della segnalazione di potenziale conflitto di interessi, inviata in data 4 agosto dai componenti della lista presieduta dal sig. Giovanni Arletti” in merito al fatto che i consiglieri di indirizzo possono essere inseriti nelle liste per l’elezione del CdA ed essere votati dagli stessi.

“Sulla base dell’attenta analisi delle disposizioni statutarie e regolamentari, delle previsioni del Codice Etico e di apposito parere legale”,  – è la risposta della Fondazione – la situazione in esame “non si presenta contraria né al disposto statutario e regolamentare dell’Ente, né al Codice Etico, ritenendo pertanto non sussistenti i presupposti per una situazione di conflitto di interessi”.

Ringraziamento al presidente Faglioni e a CdA uscente

“Al Consiglio di Amministrazione uscente e al presidente Corrado Faglioni, – si legge nel comunicato di Palazzo Brusati – va il ringraziamento della Fondazione per l’impegno profuso nel corso del mandato e per i risultati raggiunti a favore del territorio e della comunità di riferimento”.

Condividi sui Social