Pubblicato il

Guida al voto, come votare per Camera e Senato

Domenica 25 settembre seggi aperti dalle 7 alle 23.

Guida al voto, come votare per Camera e Senato

di Stefano De Martis

 

Gli elettori chiamati alle urne sono oltre 51 milioni (4,8 milioni i residenti all’estero con diritto di voto). Circa mezzo milione i neodiciottenni al debutto nelle “politiche”. Per la prima volta in assoluto i cittadini tra i 18 e i 25 anni (sono circa 3,8 milioni) votano anche per il Senato, in virtù della legge costituzionale 18 ottobre 2021, n.1. Il corpo elettorale dei due rami del Parlamento è quindi identico. Il sistema con cui si vota è lo stesso già utilizzato nel 2018. Un sistema misto in parte maggioritario uninominale (nel collegio vince il candidato che prende più voti degli altri), in parte proporzionale (i seggi vengono suddivisi tra le liste in rapporto ai voti ricevuti da ciascuna di esse).

Numero parlamentari

Profondamente diverso rispetto a quattro anni fa, invece, è il numero dei parlamentari da eleggere, in seguito al taglio deciso con la legge costituzionale 19 ottobre 2020, n.1: i deputati eletti nei collegi uninominali passano da 232 a 147, quelli nelle circoscrizioni proporzionali da 386 a 245, gli eletti all’estero da 12 a 8; i senatori eletti nei collegi uninominali scendono da 116 a 74, quelli nelle circoil scrizioni proporzionali da 193 a 122, gli eletti all’estero da 6 a 4.

 

Guida al voto, come votare per Camera e Senato

 

Le schede, no voto disgiunto

Le schede sono due: una gialla per il Senato e una rosa per la Camera. Su di esse compaiono una serie di riquadri con in alto nome del candidato nel collegio uninominale e, sotto, la lista collegata che concorre al riparto proporzionale, con relativo simbolo (più liste con i rispettivi simboli in caso di coalizioni). L’elettore esprime un unico voto per ciascuna scheda e tale voto vale sia per la parte maggioritaria che per la parte proporzionale. Se viene segnato solo il candidato uninominale, il voto viene automaticamente computato anche per la lista collegata (se ci sono più liste collegate il voto viene “spalmato” tra di esse in proporzione ai consensi ottenuti da ciascuna lista). Se viene segnata solo la lista, automaticamente il voto va anche al candidato uninominale. Non è ammesso votare per una lista e per un candidato uninominale non collegati tra loro e non si possono esprimere preferenze: le liste sono “bloccate”, conta l’ordine in cui sono scritte.

 

Guida al voto, come votare per Camera e Senato

 

Mascherina raccomandata

Per quanto riguarda l’accesso ai seggi, l’impiego della mascherina chirurgica è fortemente raccomandato agli elettori e obbligatorio per presidenti e scrutatori. Nei seggi devono comunque essere assicurati il distanziamento, l’aerazione e la distribuzione dei detergenti. A differenza di quanto avvenuto in recenti consultazioni amministrative e referendarie, l’elettore non deve inserire personalmente la scheda nell’urna, ma consegnarla al presidente del seggio, che provvede a staccare il cosiddetto “tagliando antifrode” (previsto dalle norme per le elezioni politiche) e controlla che il numero progressivo sia uguale a quello annotato al momento della consegna della scheda. Dopo di che inserisce nell’urna la scheda senza il tagliando.

 

Condividi sui Social