Pubblicato il

Màt Settimana della salute mentale, una tappa importante anche a Carpi

Il 26 ottobre presso l’Auditorium Loria a Carpi si svolgerà l’evento “Da oggetti a protagonisti: esperienze di promozione di processi decisionali condivisi”

Màt Settimana della salute mentale, una tappa importante anche a CarpiL’Organizzazione Mondiale della Sanità ha evidenziato in un documento diffuso nel primo semestre del 2022 come la pandemia abbia influenzato pesantemente le persone. Ed è alla salute mentale come “bene comune”, che è dedicata la dodicesima edizione di Màt, la più grande manifestazione italiana sulla salute mentale.

L’Unione Terre d’Argine, che patrocina l’evento, è direttamente coinvolta nell’appuntamento del 26 ottobre presso l’Auditorium Loria, a Carpi dalle 9.30 alle 13.00, dal titolo “Da oggetti a protagonisti: esperienze di promozione di processi decisionali condivisi”.  Oltre all’Unione, fra gli enti promotori locali figurano anche l’Associazione Avere Cura di Carpi, in coprogettazione con Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche AUSL di Modena, insieme ai comuni di Campogalliano, Carpi, Novi e Soliera. Aderisce all’iniziativa anche l’associazione A.DI.FA. APS, di Carpi.

L’obiettivo del convegno è mettere a fuoco i modelli di collaborazione attiva tra i Servizi Sociali territoriali ed il Dipartimento di Salute Mentale che vedano il pieno coinvolgimento anche dei diretti interessati e delle associazioni attive localmente. Durante il convegno si partirà dunque dall’Accordo siglato nel 2020 dall’Unione delle Terre d’Argine e dalla Direzione del Dipartimento di Salute mentale di Modena. Ne verranno illustrate le premesse, ma anche i contenuti operativi, e i frutti collaborativi che ne sono derivati. Verranno inoltre presentati e discussi i modelli dialogici di integrazione attiva dei Servizi sociali e psichiatrici (che ruotano sul coinvolgimento dei diretti interessati nei processi decisionali che li riguardano) proposti dalla Agenzia Socio-Sanitaria Regionale negli ultimi anni in alcuni territori della Regione. Questa seconda parte vedrà la presenza di rappresentanti della Agenzia Socio-Sanitaria Regionale e di professionisti provenienti dai territori finora coinvolti.

Come ricorda l’assessore alle Politiche Sociali di Carpi, Tamara Calzolari, che sarà al tavolo dei relatori «Siamo chiamati a ricordare che non c’è salute senza salute mentale. Auspicio dell’incontro è quello di mettere al centro le persone e non la loro patologia; questo approccio è indirizzato non solo a persone con severi disturbi mentali ma anche a chi abbia bisogni sociosanitari complessi, come forte marginalità sociale, disabilità, dipendenze patologiche. L’obiettivo è evitare per quanto possibile il ricovero in una struttura sanitaria attraverso il potenziamento degli interventi domiciliari e favorire l’inclusione e il mantenimento dei pazienti nel loro ambiente di vita. Questa è la filosofia del “budget di salute”, un innovativo modello che stiamo sperimentando attraverso l’accordo sottoscritto nell’Unione.»

 

Condividi sui Social