Pubblicato il

Regione: donazione di sangue, campagna di comunicazione radio e social

In Emilia-Romagna nei primi 9 mesi del 2022 calano le unità di sangue intero raccolte, ma soprattutto le unità raccolte in aferesi: è necessario uno sforzo ulteriore. Il messaggio in due video e uno spot, con l’appello dell’assessore Donini, diffuso in collaborazione con le Aziende sanitarie e le Associazioni e Federazioni dei donatori

Regione: donazione di sangue, campagna di comunicazione radio e social

 

Un invito diretto ai cittadini a donare sangue, perché di sangue c’è sempre bisogno, anche in Emilia-Romagna, regione che è sempre stata non solo autosufficiente, ma anche capace di donare ad altre.

A lanciarlo è direttamente l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, nei due spot video (da 15 e 30 secondi) e uno spot radio che sono i protagonisti della nuova campagna di comunicazione e sensibilizzazione della Regione sulla donazione di sangue. Il messaggio sarà diffuso via social e radio in stretta collaborazione con le Aziende sanitarie e le Associazioni e Federazioni dei donatori, con il dichiarato obiettivo di portare sempre più persone a compiere questo grande gesto di altruismo e generosità.

“Sono qui per chiederti un aiuto per un tema che mi sta molto a cuore – questo l’appello dell’assessore Donini – e che è di vitale importanza per tutti: la donazione del sangue. Donare sangue è il primo grande passo per far parte di una comunità solidale, soprattutto nei momenti di difficoltà. Con un piccolo gesto puoi salvare una vita. Oggi più che mai, ricordati di donare”.

I due video con l’appello dell’assessore sono disponibili sul canale YouTube dalla Regione Emilia-Romagna:

https://youtu.be/9_frdqjuLFg (versione lunga)

https://youtu.be/-Hg5Sw1RZiQ (versione breve)

 

Dati donazioni gennaio-settembre 2022

Da inizio anno, infatti, con il perdurare della pandemia e l’aumento di casi Covid anche tra i donatori, si è registrata una contrazione delle donazioni, che va di pari passo con l’aumento della richiesta, soprattutto di globuli rossi concentrati, in relazione alla ripresa delle attività assistenziali in particolare in ambito chirurgico, e all’aumento dell’attività trapiantologica in tutta l’Emilia-Romagna. Dunque, è necessario uno sforzo ulteriore.

In particolare, nei primi 9 mesi del 2022 si osserva un calo, rispetto allo stesso periodo del 2021, delle unità di sangue intero raccolte (-0,13%, ossia 160.971 contro 161.179), ma soprattutto delle unità raccolte in aferesi (-4,84%, e dunque 50.198 contro 52.749 del 2021). Le criticità maggiori si sono verificate nel mese di aprile e nella prima settimana di maggio, quando il bilancio unità raccolte/unità trasfuse non è stato sempre positivo e non è stato possibile contribuire al 100% alla compensazione delle regioni carenti come prassi settimanale; un impegno che la Regione Emilia-Romagna era sempre stata in grado di rispettare, anche nel 2020 e 2021.

 

Dati 2020 e 2021

Peraltro, già nel primo anno di pandemia – il 2020 – c’era stata una diminuzione delle unità di sangue intero raccolte (208.000 contro le 213.186 del 2019, corrispondenti al -2.4%), programmata e concordata con le Associazioni e Federazioni di donatori a fronte di un medesimo calo nel consumo delle unità, dovuto alla riduzione dell’attività clinica e alla sospensione delle attività chirurgiche. Poi, nell’anno successivo, il 2021, la ripresa aveva interessato sia le unità di sangue intero raccolte (+4,11% rispetto al 2020, 216.558 contro 208.000), sia quelle raccolte in aferesi (+1,37%, 73.239 contro 72.249 del 2020).

Grazie innanzitutto ai donatori, ai volontari delle associazioni e a un sistema regionale sangue solido e innovativo coordinato dal Centro Regionale Sangue, anno dopo anno l’Emilia-Romagna è in grado di mantenere l’autosufficienza: ciò significa che nessun intervento né alcun tipo di attività sanitaria in cui fosse necessaria una trasfusione è stato rimandato. Non solo, perché la regione continua ad inviare sangue ad altre, non autosufficienti, che soprattutto in caso di emergenze devono essere aiutate; ma ora c’è bisogno di un’accelerazione.

“Il sostegno dell’assessore Donini alle attività delle Associazioni dei donatori di sangue – sottolinea Maurizio Pirazzoli, presidente regionale Avis Emilia-Romagna – rappresenta un grande valore ed un forte riconoscimento alla nostra azione, e ci spinge a fare sempre meglio affinché agli ammalati che ne hanno necessità non manchi mai questo farmaco salvavita”.

 

Condividi sui Social